Home » Amministratore condominio Pordenonone

Tag: Amministratore condominio Pordenonone

Il Regolamento Condominiale

L’articolo del codice civile che tratta del regolamento di condominio è l’art. 1138 c.c.

Il  e per la definizione dei diritti e degli obblighi di ciascun condomino. Non in tutti i condomini è obbligatorio avere un regolamento condominiale. Soltanto negli edifici con almeno 10 condomini la redazione del regolamento è obbligatoria. Questo non significa che gli edifici con meno di 10 condomini non possano redigere un regolamento, anzi, seppur facoltativo, sarebbe buona norma redigerlo sempre per evitare inutili litigi e battibecchi tra i condomini.

Regolamento Contrattuale e Assembleare

Esistono due tipi di regolamento: il regolamento contrattuale ed il regolamento assembleare.

Regolamento Contrattuale

Il regolamento contrattuale, o regolamento esterno,solitamente viene redatto dal costruttore dell’edificio e viene accettato dai singoli condomini all’atto di acquisto di un appartamento ed include tutte quelle norme che sono inderogabili per legge, come ad esempio:

  • uso delle parti comuni
  • ripartizione delle spese
  • tutela del decoro dell’edificio
  • l’amministrazione del condominio
  • eventuali limitazioni, costituzioni di servitù, assegnazione o destinazioni d’uso di parti comuni ad un numero ristretto di condominio

Regolamento Assembleare

Il regolamento assembleare è invece il regolamento interno del condominio e può contenere solo norme che regolano la vita comune degli inquilini del condominio.

Per l’approvazione di questo regolamento si necessita della maggioranza stabilita dall’articolo 1136 del Codice Civile, e cioè i due terzi del valore dell’intero condominio e i due terzi dei partecipanti all’assemblea di condominio.
Ogni condomino può proporre modifiche o integrazioni, ma le modifiche a questo regolamento devono essere approvate con la stessa maggioranza prevista per la sua approvazione (vedi sopra).

La Riforma del Condominio, effettuata con la Legge 220/2012, ed entrata in vigore dal 18 giugno 2013, ha riguardato anche il regolamento del condominio. In particolare sono state effettuate alcune modifiche all’articolo 1138 del Codice Civile, che hanno riguardato i seguenti argomenti:

  • Sanzioni in caso di violazione del regolamento di condominio: la pena pecuniaria è stata aumentata dai precedenti 0,052 euro a “fino a 200 euro”. In caso di recidività la sanzione può arrivare però fino a 800 euro.
  • Non è possibile inserire nel regolamento norme che vietano ai condomini di tenere animali domestici nel loro appartamento.
  • L’amministratore è tenuto ad allegare il regolamento al registro dei verbali delle assemblee.

>> Cerchi aiuto per redigere il regolamento comunale? Richiedi una nostra consulenza